Risale ai primi del 1900
L’attività commerciale della Vino Sorelli risale ai primi anni del 1900, quando il bisnonno Angiolo da “sensale” agricolo comincia a specializzarsi nella distribuzione del vino, coinvolgendo nella sua opera Gesualdo uno dei suoi 15 figli.
L’interesse e le competenze nel modo del vino, si tramandano fin da sempre all’interno del nucleo familiare, insieme con le proprietà.
Fin da subito si radica lo stretto legame della famiglia con gli agricoltori ed i produttori locali. Il vino veniva prelevato dai contadini e consegnato ai consumatori, utilizzando le caratteristiche “damigiane”, contenitori in vetro soffiato a bocca, rivestiti con legno intrecciato e dotati di manici per il trasporto, di varie capacità dai 5 lt fino ai 60, prodotti nella vecchia vetreria del paese.
La consegna avveniva con i “barrocci” vecchi carri inizialmente trainati da buoi o cavalli e successivamente dotati di motore a scoppio, in considerazione delle condizioni generali della rete viaria nella prima metà dello scorso secolo, il carico del barroccio per la stabilità del carico ed il successivo trasporto erano da considerasi a buon diritto una vera e propria arte

Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI